Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione del sito autorizzi l'uso dei cookie come descritto nella nostra Cookies Policy.

Stampa

 

La vigilanza Inail dopo Covid 19

inail post covid(scarica pdf)

Venezia, 23 aprile 2020

Le conseguenze dell’emergenza sanitaria saranno drammatiche e cambieranno l’intero assetto del sistema-Paese; anche le conseguenze economiche saranno molto pesanti e il lavoro del personale ispettivo sarà molto più difficile di quanto lo sia stato finora.

La vigilanza INAIL, però, deve continuare, anzi rafforzarsi, proprio perché la funzione di controllo e verifica è connaturata alla Pubblica Amministrazione, e il bisogno di equità sarà rafforzato dall’emergenza. L’ ispettore INAIL nel rimanere tale deve rafforzare il ruolo di “civil servant”: la via di uscita è, a nostro sentire, riportare la vigilanza ad una funzione “etica”, di vero servizio.

L’attività “core” degli ispettori Inail è sempre stata la verifica del rischio assicurato, ovvero la valutazione della coerenza fra l’attività svolta dalla azienda e la classificazione tariffaria. La corretta analisi dei cicli di lavorazione e l’attribuzione alle corrette voci di lavorazione ha un valore importante, soprattutto per l’azienda ispezionata ma anche sulle future modifiche tariffarie e quindi, di riflesso, sull’intera collettività, che ha, mai come in questo momento, bisogno di equità.

A gennaio 2019 sono entrate in vigore le nuove Tariffe dei premi che hanno abolito vecchie voci, accorpato voci esistenti e creato nuove voci di lavorazione.

L’attività di vigilanza volta alla verifica e normalizzazione di situazioni di disallineamento tra aziende che svolgono le stesse attività dovrà essere svolta indipendentemente dal solo indicatore della irregolarità e del recupero premiale.

La “business intelligence” INAIL è un fiore all’occhiello dell’Istituto e tale deve rimanere, ponendo le proprie capacità al servizio del Paese cambiato: tale attività può essere effettuata su estrazione di liste centrali per voci che presentano accorpamenti, soppressioni o per voci di nuova istituzione, al fine di fornire input per una attività ispettiva volta all’equità classificativa.

Un altro aspetto è la valorizzazione delle attività svolte dagli ispettori nell’ambito dell’erogazione delle prestazioni Inail, anche in considerazione dell’indennizzabilità degli infortuni da Covid-19.

Il ruolo dei funzionari di vigilanza al fine di favorire l’indennizzo dei lavoratori infortunati in caso di contagio da Covid 19 e non solo, è indispensabile per accelerare la corresponsione delle prestazioni e deve trovare ulteriore riconoscimento e valorizzazione.
Gli incarichi ispettivi svolti per le prestazioni sono in linea con la funzione sociale dell’Inail: oggi, la non valorizzazione degli stessi negli obiettivi dell’Istituto, è incompatibile con la ragione stessa dell’esistenza dell’assicurazione pubblica, ancora di più dopo l’emergenza.

Occorre, perciò, modificare gli obiettivi e, per conseguenza, cambiare il processo a monte dell’attività ispettiva per renderlo in linea con le esigenze reali del paese dopo l’emergenza, eliminando il riferimento alla percentuale di irregolarità e inserendo nel novero delle pratiche in obiettivo anche infortuni e m.p.

Bisogna mantenere e rafforzare una attività di business intelligence centrale e locale, volta anche all’estrazione di liste mirate all’esatta applicazione della tariffa e non solo al recupero premiale.
L’attività INAIL sarà sempre ispettiva e ovviamente non impedirà, nel corso delle verifiche espletate, l’accertamento di qualsivoglia irregolarità ma occorre che l’input della attività, dopo l’emergenza, non sia solo finalizzato al recupero ma piuttosto all’equità classificativa e al ristoro economico degli infortunati.
In questo modo la vigilanza ispettiva in materia assicurativa, mantenendo la propria natura, concorrerà alla ripresa del Paese.

 

Giancarlo Sponchia
Presidente ANIV